Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

EMERGENZA COVID-19: DOMANDE FREQUENTI E INDICAZIONI PER IL RIENTRO IN ITALIA

Data:

04/08/2020


EMERGENZA COVID-19: DOMANDE FREQUENTI E INDICAZIONI PER IL RIENTRO IN ITALIA
Dal 23 marzo e fino almeno al prossimo 31 agosto sono sospesi tutti i voli passeggeri internazionali da/per la Colombia. Sono attualmente sospesi anche i collegamenti aerei interni e i collegamenti interurbani in Colombia. Dopo il 23 marzo sono stati comunque effettuati numerosi voli commerciali straordinari, autorizzati in via eccezionale dal Governo colombiano, da parte di alcune compagnie aeree che hanno consentito a molti turisti europei in Colombia, ivi compresi tanti italiani, di poter rientrare.
In particolare, d'intesa con la Farnesina, il 28 aprile ed il 27 maggio sono stati organizzati due voli straordinari commerciali operati dalla compagnia aerea privata NEOS, che hanno consentito il rientro in Italia dalla Colombia a numerosi connazionali che avevano manifestato all’Ambasciata l’urgenza di rientro, cosi come avvenuto anche con i due voli diretti Bogotà- Roma il 2 giugno e il 12 giugno operati dall’aerolinea AVIANCA.

NON SONO AL MOMENTO PREVISTI NUOVI VOLI DIRETTI PER L’ITALIA. Questi sono i prossimi voli per il rientro in Europa dei quali l’Ambasciata e’ a conoscenza:

  • 04 agosto volo KLM, Bogotá-Cartagena-Amsterdam
  • 05 agosto volo IBERIA, Bogotá-Madrid
  • 06 agosto volo CONDOR, Bogotá-Punta Cana-Francoforte
  • 11 agosto volo AVIANCA, Bogotá-Bruxelles
  • 11 agosto volo IBERIA, Bogotá-Madrid
  • 17 agosto volo AIR FRANCE, Bogotá-Parigi
  • 18 agosto volo KLM, Bogotá-Cartagena-Amsterdam
  • 24 agosto volo AIR FRANCE, Bogotá-Parigi

I biglietti per i prossimi voli commerciali straordinari sono ora acquistabili direttamente con le rispettive compagnie aeree, attraverso i loro siti o i call center.
Non e’ dunque più necessario ne’ chiedere all’Ambasciata di essere inseriti nelle liste per un volo (tranne per i casi espressamente indicati), ne’ inviare email o contattare telefonicamente l’Ambasciata per manifestare interesse per i voli.

Considerando l’attuale sospensione dei voli interni nel Paese, è possibile raggiungere Bogotá solo per via terrestre muniti di:

  1. copia cartacea o elettronica del biglietto aereo acquistato per l’uscita dalla Colombia;
  2. copia dell’autorizzazione del volo rilasciata dal Ministero degli Affari Esteri colombiano.

Sarà necessario richiederla all’Ambasciata inviando un email con copia del biglietto aereo a bogota.consolare@esteri.it.

N.B.: Anche l'autista del veicolo su cui viene effettuato lo spostamento deve avere copia cartacea, o elettronica, sia del biglietto che dell’autorizzazione del volo, in modo da poter fare ritorno alla città di partenza dopo aver accompagnato i passeggeri in aeroporto.

Bisogna consultare CON ATTENZIONE il seguente link relativo alle domandi frequenti per il rientro in Italia e all’ingresso di cittadini italiani e stranieri:

https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html.

Alla partenza dalla Colombia tutti sono chiamati ad esibire il modulo di autocertificazione, che andra’ poi consegnato all’ingresso in territorio italiano. E’ quindi necessario stampare, compilare e firmare prima della partenza dalla Colombia l’autodichiarazione scaricabile al precedente link.

È importante tenere presente che, per i cittadini extra UE e non residenti nell’Unione Europea, l’ingresso in Italia è possibile solo per i familiari di un cittadino UE come definito dagli art. 2 e 3 della Direttiva 2004/38, quali coniugi o partner convivente di fatto, situazione che sono gli stessi interessati a dovere dimostrare alle Autorità di frontiera, sia in partenza che all’arrivo. L’Ambasciata non puo’ rilasciare tali dichiarazioni.

I connazionali che si trovano in Colombia devono attenersi scrupolosamente alle indicazioni delle Autorità colombiane per la prevenzione del contagio e di seguire i media e le Istituzioni locali per gli aggiornamenti.

A tal fine, è possibile consultare i siti:

Il 28 luglio è stata annunciata l’ulteriore estensione della quarantena obbligatoria in Colombia fino al 31 agosto (le restrizioni si applicano anche agli stranieri). É confermata la chiusura di tutti i voli internazionali da e per la Colombia fino al 31 agosto p.v.

Oltre ai confini aerei, resteranno chiuse, fino a data da definire, anche le frontiere terrestri, marittime e fluviali.

Il divieto di ingresso in Colombia si applica anche ai cittadini colombiani e ai residenti se non espressamente autorizzati. La restrizione vige anche per i passeggeri in transito.

Fino a data da definire sono sospesi anche tutti i voli interni nel Paese ed i collegamenti interurbani. Le Autorità colombiane hanno comunque fatto sapere che sono in fase di elaborazione le nuove disposizioni per una prossima parziale e limitata ripresa dei voli nazionali (inizialmente con voli di prova e solo tra le città con minori problemi di diffusione del virus).

Il Sindaco di Bogotà ha annunciato che dal 13 luglio al 23 agosto saranno nuovamente applicate misure restrittive ai movimenti per varie località della Capitale. Per maggiori informazioni, consultare https://bogota.gov.co.
Dal 27 luglio vige nella Capitale l’isolamento restrittivo obbligatorio per le persone che soffrono di diabete, obesità e ipertensione. Inoltre, tutto il nucleo familiare di una persona positiva al Covid-19 deve necessariamente rispettare il periodo di quarantena di 14 giorni.

Sono anche in vigore fino al 31 agosto serissime restrizioni alla mobilità per la fascia anziana della popolazione. I maggiori di 70 anni hanno l’obbligo di restare in casa e possono lasciare la propria abitazione solo per soddisfare esigenze essenziali, quali compere o visite mediche; rispetto al precedente decreto, a partire dal 1 giugno viene data la possibilità anche ai maggiori di 70 anni di svolgere attività fisica.

Migración Colombia dal 26 marzo non sta applicando le sanzioni amministrative per coloro che:

  1. non siano riusciti a rinnovare il proprio visto;
  2. abbiano superato i 90 giorni di permanenza sul territorio colombiano risultando pertanto irregolari in Colombia a causa dell’emergenza COVID19.

331