Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Saluto Ambasciatore Amaduzzi in occasione della Festività Nazionale del 2 giugno.

Data:

01/06/2020


Saluto Ambasciatore Amaduzzi in occasione della Festività Nazionale del 2 giugno.

Cari connazionali,

in occasione della ricorrenza della Festivita’ nazionale del 2 giugno, rivolgo innanzitutto a tutti un invito ad unirci in un ideale momento di riflessione in memoria delle tante persone che ci hanno lasciato a causa della diffusione del virus COVID-19, in Italia, in Colombia e nel mondo intero.

Sin dall’inizio dell’emergenza, l’Ambasciata – in costante coordinamento con la Farnesina – ha impegnato ogni possibile energia e risorsa per assistere i tanti connazionali che si trovano in differenti parti della Colombia e che desiderano fare rientro in Italia.

Continueremo a farlo, con il massimo impegno di tutto il personale dell’Ambasciata come abbiamo fatto in questi mesi durante i quali centinaia e centinaia di italiani hanno potuto fare rientro alle loro case.

L’attuale grave ed inedita situazione pandemica internazionale richiede necessariamente la comprensione e la collaborazione di tutti, nel pieno rispetto delle esigenze, delle aspirazioni, dei ruoli e delle responsabilita’ di ciascuno.

Come sottolineato dal Signor Presidente della Repubblica Mattarella, insieme potremo affrontare efficacemente questa nuova sfida nella convinzione che “il legame che ci tiene uniti sarà più forte delle tensioni e delle difficoltà”.

Le relazioni tra Italia e Colombia sono solide, in tutti i settori, politico, economico, culturale e sociale. Sono certo che su tali basi riusciremo a ripartire, consolidando e rafforzando ulteriormente tali legami.

Sono spiacente che quest’anno non potremo avere occasione di incontrarci di persona per festeggiare insieme questa solenne occasione.

Seppur in questo difficile contesto, auguro a tutti voi, alle vostre famiglie, ai vostri cari, un felice 2 giugno.

Molto cordialmente,

Gherardo Amaduzzi.


341