Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

EMERGENZA COVID-19: INFORMAZIONI IMPORTANTI SUI VOLI E INDICAZIONI PER INGRESSO IN ITALIA E IN COLOMBIA.

Data:

12/01/2021


EMERGENZA COVID-19: INFORMAZIONI IMPORTANTI SUI VOLI E INDICAZIONI PER INGRESSO IN ITALIA E IN COLOMBIA.

ATTENZIONE: Considerata la situazione epidemiologica in Europa, la Farnesina raccomanda a tutti i connazionali di evitare viaggi all’estero se non per ragioni strettamente necessarie.

Si fa altresì presente che considerato l’alto numero dei contagi in molti Paesi europei, non si possono escludere future ulteriori restrizioni agli spostamenti che rischierebbero di complicare eventuali rientri in Italia, considerato che non vi sono voli diretti dalla Colombia.

Si ricorda che è disponibile all'indirizzo: https://infocovid.viaggiaresicuri.it/ un questionario interattivo per verificare la normativa italiana in vigore in merito agli spostamenti da/per l’estero.

IMPORTANTE: NUOVI REQUISITI PER L'INGRESSO IN COLOMBIA

Per entrare in Colombia è OBBLIGATORIO:

  • dal 7 gennaio 2021 esibire prova PCR Covid-19 con risultato negativo effettuata nelle 96 ore precedenti al volo per tutti i passeggeri, senza distinzione d’età (compresi quindi i minori). In caso contrario all’arrivo il passeggero dovrà isolarsi per 14 giorni, quarantena che potrà terminare solo in caso di prova PCR (sempre a proprie spese) con esito negativo. Le compagnie aeree possono non consentire l’imbarco a persone che presentano sintomi compatibili con il Covid-19.
  • compilare prima della partenza il modello Check-Mig https://apps.migracioncolombia.gov.co/pre-registro/public/preregistro.jsf; in caso di non compilazione del modello, le compagnie aeree non consentiranno l’imbarco.
  • effettuare la registrazione del proprio stato di salute attraverso l’applicazione CoronApp (da scaricare nelle principali piattaforme).

Alla luce del costante aumento dei contagi da COVID-19 in Colombia, le Autorità locali hanno deciso ulteriori misure. Si raccomanda pertanto di consultare costantemente, oltre al sito dell’Ambasciata d’Italia a Bogotà, i siti e i social del Ministero della Salute colombiano per aggiornamenti sulla situazione sanitaria e il sito di Migracion Colombia.

Le misure restrittive dei movimenti possono essere decise anche dalle Autorità locali. Per quanto riguarda la Capitale, si consiglia anche di consultare il sito e i social del Comune di Bogota’ in quanto sono state annunciate nuove misure di quarantena.

L’emergenza sanitaria in Colombia e’ prorogata fino al 28 febbraio 2021 e le frontiere terrestri, marittime e fluviali con i Paesi confinanti rimangono chiuse al momento fino al 16 gennaio

I connazionali che si trovano in Colombia devono attenersi scrupolosamente alle indicazioni delle Autorità colombiane per la prevenzione del contagio.

 

Al momento le seguenti compagnie aeree stanno operando collegamenti con l'Europa da Bogotà e altre città della Colombia: Air Europa, Air France, Avianca, Iberia, KLM, Lufthansa e Turkish Airlines.
I biglietti possono acquistati direttamente sui rispettivi siti web.

A partire dal 29 dicembre 2020, tutti i passeggeri che entrano nei Paesi Bassi in transito o come destinazione finale, devono avere una prova PCR negativa effettuata non prima delle 72 ore antecedenti all’arrivo programmato nei Paesi Bassi e la dichiarazione relativa al risultato negativo della stessa. Senza questa documentazione, non sarà permesso ai passeggeri di imbarcarsi per il viaggio.
Per maggiori informazioni visitare la pagina www.government.nl.

Con il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 3 dicembre 2020 tutti i Paesi che facevano parte del Gruppo F, tra cui anche la Colombia, sono stati inclusi nel gruppo E.

L’ingresso in Italia da questi Paesi è pertanto consentito solo in presenza di precise motivazioni quali: lavoro, motivi di salute o studio, assoluta urgenza, rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Non sono consentiti spostamenti per turismo.

Il rientro/l’ingresso in Italia, in caso di soggiorno/transito nei 14 giorni precedenti da questo gruppo di Paesi, è sempre consentito ai cittadini italiani/UE/Schengen e loro familiari, nonché ai titolari dello status di soggiornanti di lungo periodo e loro familiari (Direttiva 2004/38/CE). Il DPCM del 3 dicembre 2020 conferma inoltre la possibilità di ingresso in Italia, dai Paesi dell’elenco E, per le persone che hanno una relazione affettiva comprovata e stabile (anche se non conviventi) con cittadini italiani/UE/Schengen o con persone fisiche che siano legalmente residenti in Italia (soggiornanti di lungo periodo), che debbano raggiungere l’abitazione/domicilio/residenza del partner (in Italia).

Per l'ingresso/rientro in Italia dalla Colombiai, è necessario compilare un’autodichiarazione (disponibile al link riportato qui sotto) nella quale si deve indicare la motivazione dell’ingresso/rientro. L’autodichiarazione va mostrata a chiunque sia preposto ad effettuare i controlli, sia alla partenza che all’arrivo, unitamente a eventuale documentazione di supporto. Si può raggiungere la propria destinazione finale in Italia solo con mezzo privato (è consentito il transito aeroportuale, senza uscire dalle zone dedicate dell’aerostazione). È inoltre necessario per tutti sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per 14 giorni.

Per ulteriori informazioni, si consiglia di consultare il link https://infocovid.viaggiaresicuri.it/

Sono previste delle eccezioni all’obbligo di isolamento per chi rientra in Italia dai Paesi del gruppo E, disponibili al seguente link che si invita a consultare CON ATTENZIONE: https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html.

Si segnala inoltre che con il DPCM del 5 gennaio 2021 sono previste limitazioni agli spostamenti sul territorio nazionale fino il 15 gennaio.

È sempre possibile l’adozione, sul territorio nazionale, di misure più restrittive rispetto a quelle determinate con il DPCM del 5 gennaio 2021, da parte di Regioni, Province autonome e Comuni.

Prima di partire per entrare/rientrare in Italia, si raccomanda di verificare eventuali disposizioni aggiuntive da parte delle Regioni di destinazione, contattandole direttamente o visitandone i rispettivi siti web.

L’Ambasciata non rilascia nessuna autorizzazione per l’ingresso in Italia.

 


331