Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Diplomazia economica

Link utili:

L’attività di promozione economica e commerciale dell’Ambasciata d’Italia in Colombia si articola in collaborazione con l’Ufficio ITA (Italian Trade Agency) operativo a Bogotá dal primo gennaio 2014 (ice.it) e con la Camera di Commercio Italiana per la Colombia (ccicolombia.com).

Nel 2022 l’interscambio commerciale tra Italia e Colombia ha superato i 2,2 miliardi Euro (+33,6% rispetto al 2021), raggiungendo livelli storici, e rappresentando il quarto miglior risultato a livello UE dopo Paesi Bassi, Spagna e Germania. Il deficit commerciale é di 342 milioni euro per l’Italia; in particolare, le esportazioni italiane verso la Colombia sono ammontate a circa 940 milioni Euro (+31,94% rispetto al 2021, quinto maggior volume tra i Paesi UE), mentre le importazioni italiane a 1,28 miliardi Euro (+34,88% rispetto al 2021, terzo maggior volume tra i Paesi UE). Le principali esportazioni italiane sono state: macchinari, prodotti farmaceutici e chimici, apparati e materiale elettrico. Viceversa, le principali importazioni italiane sono state soprattutto prodotti dell’agricoltura (in primis banane, caffé, frutta tropicale, zucchero), prodotti minerari e metalli.

Nel corso del 2022 gli investimenti diretti esteri (IDE) italiani in Colombia sono stati di circa 100 milioni Euro, attestandosi sui livelli registrati negli anni precedenti.

Le carenze delle reti ferroviarie e stradali offrono molteplici possibilità di inserimento nel Paese È infatti in atto una vasta campagna di ristrutturazioni/ampliamento di porti ed aeroporti in tutto il Paese. Quanto al potenziamento del trasporto urbano e interurbano, il Governo nazionale, per alleggerire il pesante traffico delle principali città colombiane, in particolare nella capitale, sta diversificando i propri progetti di mobilità. Tra questi si segnala la metropolitana di Bogotá, il progetto infrastrutturale piú importante del Paese, aggiudicato nel 2019 e oggigiorno in fase di costruzione.

Agli investimenti diretti italiani in Colombia si affianca un rinnovato impegno istituzionale tra Italia e Colombia per un incremento delle relazioni commerciali rappresentata, tra l’altro, dalla firma nel gennaio 2018 dell’Accordo sulla Doppie Imposizioni Fiscali (entrato in vigore nell’ottobre 2021) e dal Memorandum d’Intesa sulle risorse energetiche. La presenza delle imprese straniere è inoltre fortemente incoraggiata dalle stesse Autorità locali, grazie anche a misure di incentivazione fiscale e non solo.

L’Accordo di Libero Scambio tra UE-Colombia e Perù, in vigore dal 1° agosto 2013, ha ridotto notevolmente i dazi doganali, facilitando le nostre esportazioni. La presenza italiana in Colombia continua intanto la sua espansione. Il settore alimentare con, tra i principali marchi e realtá imprenditoriali, Ferrero, Barilla, Illy caffè, Lavazza e Segafredo; quello delle grandi costruzioni con Salini-Impregilo, ATB Riva Calzoni; il settore energia con, ENEL, SAIPEM e ACEA; quello automobilistico con Fiat, Ferrari, IVECO, Piaggio, Ducati, Maserati, Aprilia e NGV Motori; quello industriale con Trevi, Bticino, De Longhi e farmaceutico con Zambon, Recordati e il Gruppo Menarini; quello dei mobili con Scavolini, Natuzzi e Campo Marzio e il settore abbigliamento e accessori che raggruppa importatori di nomi noti quali Benetton, Diesel, Zegna, Ferragamo, Versace, Bulgari, Emporio Armani, Dolce & Gabbana, Intimissimi, Calzedonia e Replay.

Per ulteriori informazioni si prega di consultare il sito: www.infomercatiesteri.it.