Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Procure generali e speciali

La procura è l’atto mediante il quale un soggetto (rappresentato) conferisce ad altro soggetto (rappresentante) il potere di agire in suo nome e conto nel compimento di atti giuridici i cui effetti sorgeranno direttamente in capo al rappresentato.
Le procure, a seconda che vengano conferite per il compimento di attività non preventivamente determinate o per lo svolgimento di specifici compiti, possono essere generali o speciali.

  • Procura generale:
    con questo atto l’interessato affida al rappresentante la gestione di tutti i suoi affari, sia presenti sia futuri. La procura generale è rilasciata a tempo indeterminato ed è efficace fino a revoca.
  • Procura speciale:
    con questo atto l’interessato affida al rappresentante la gestione di una parte specifica dei suoi affari. La procura speciale cessa di avere efficacia nel momento in cui l’incarico particolare per il quale è stata rilasciata si conclude.

Il primo comma dell’art. 28 del D.lgs. n. 71/2011 “Ordinamento e funzioni degli uffici consolari”, entrato in vigore il 28 maggio 2011, prescrive che le funzioni consolari in materia notarile possono essere esercitate esclusivamente nei confronti dei cittadini italiani e non più anche dei non cittadini, come era invece previsto dalla precedente normativa.

In particolare, nel caso di danti procura (generale o speciale) cittadini stranieri, il Capo dell’Ufficio consolare non potrà esercitare in merito le proprie competenze notarili, per questo motivo i  cittadini stranieri devono sottoscrivere un “Poder especial o general” presso una Notaria colombiana, apostillarlo sul sito del Ministero degli Affari Esteri https://www.cancilleria.gov.co/tramites_servicios/apostilla_legalizacion_en_linea, farlo tradurre da un traduttore ufficiale (spagnolo-italiano) e legalizzare la traduzione recandosi in Ambasciata negli orari di attenzione al pubblico.

La tariffa per la legalizzazione corrisponde all’art. 72 per ogni foglio (fronte/retro). Per informazioni dettagliate su modalità di pagamento e importi consultare la seguente pagina: Diritti consolari – Ambasciata d’Italia Bogotà (esteri.it).

DATI E DOCUMENTI NECESSARI PER CONFERIRE UNA PROCURA

I cittadini italiani che intendono sottoscrivere una procura (generale/speciale) devono cortesemente scrivere a bogota.consolare@esteri.it indicando nell’oggetto “RICHIESTA DI PROCURA GENERALE/SPECIALE: NOME E COGNOME” e allegando:

  • bozza della procura in formato Word;
  • copia del passaporto del rappresentato;
  • copia del documento d’identità del rappresentante.

L’interessato dovrà presentarsi in Ambasciata il giorno dell’appuntamento con:

  • passaporto vigente;
  • originale della ricevuta bancaria del pagamento (seguendo le indicazioni riportate qui)

La tariffa consolare per la procura speciale corrisponde all’art. 18 e per la procura generale all’art. 17.

Nel caso di procura generale va aggiunto un ulteriore versamento di cui all’art. 25, in quanto verrà rilasciata una copia conforme all’originale della stessa, mentre l’originale resterà agli atti dell’Ambasciata.

Per informazioni dettagliate su modalità di pagamento e importi consultare la seguente pagina: Diritti consolari – Ambasciata d’Italia Bogotà (esteri.it)

I cittadini italiani residenti nelle circoscrizioni consolari di Barranquilla, Bucaramanga, Cali, Cartagena e Medellin, possono richiedere un appuntamento per la sottoscrizione solo di procura speciale direttamente al Consolato Onorario corrispondente.