Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Visto di studio per tirocinio curriculare

Per informazioni generali su questo tipo di VISTO, si prega di visitare il seguente sito del Governo italiano: vistoperitalia.esteri.it

A cosa serve e chi può utilizzarlo?

Questo visto consente l’ingresso di cittadini colombiani e/o stranieri residenti in Colombia che dovranno svolgere un tirocinio che da crediti formativi ed inclusi nei piani di studio delle Università o degli Istituti scolastici sulla base di norme regolamentari.

Sono altresì considerati tali i tirocini previsti all’interno di un percorso formale di istruzione o di formazione sebbene non direttamente finalizzati al conseguimento dei crediti formativi qualora: 1. Sia promosso da una Università o Istituto di istruzione universitaria abilitato al rilascio di titoli accademici, di una istituzione scolastica che rilasci titoli di studio aventi valore legale, di un centro di formazione professionale operante in regime di convenzione con la Regione o la Provincia o accreditato; 2. Destinatari della iniziativa siano studenti universitari o di scuola secondaria superiore, allievi di istituti professionali e di corsi di formazione iscritti al corso di studio e di formazione nel cui ambito il tirocinio è promosso; 3. Svolgimento del tirocinio all’interno del periodo di frequenza del corso di studi o del corso di formazione.

Il visto può essere richiesto sei mesi prima della data di inizio del tirocinio e fino a 15 giorni lavorativi prima della data di inizio.

Tipo di visto: visto “D” per soggiorni di lunga durata (da più di 90 giorni a 365 giorni).

REQUISITI: Devono essere presentati seguendo il rigoroso ordine sotto indicato:

  1. Modulo di richiesta di visto Nazionale debitamente compilato in tutti i campi e firmato.
  2. Due fotografie (3 cm x 4 cm), sfondo bianco a colore (identiche e recenti), una delle quali deve essere incollata al modulo nella casella corrispondente.
  3. Passaporto valido (con validità di almeno 3 mesi oltre la durata del visto) con almeno due pagine libere e una copia semplice del passaporto (solo la pagina del passaporto contenente i dati personali del titolare).
  4. Pagamento dei diritti consolari (portare l’originale del versamento effettuato sul conto corrente n. 11538667 della Banca GNB Sudameris – Art. 29).
  5. Carta d’identità colombiana – per gli stranieri cédula de extranjería, in corso di validità (in entrambi i casi solo una copia ingrandita e leggibile).
  6. Convenzione di formazione tra l’Università di appartenenza, l’ente di accoglienza e lo studente, nella quale siano indicati chiaramente il programma, la condizione di inserimento e di supervisione del tirocinio, gli obiettivi e la durata del medesimo, le risorse messe a disposizione per la permanenza in Italia e per le spese di vitto e alloggio, le spese per il viaggio di ritorno e la stipula di una polizza assicurativa per malattia.
  7. Lettera di accettazione dell’Ente di accoglienza con indicazione del tirocinio che si svolgerà, della data di inizio e della durata del medesimo o, in alternativa, la data di fine del tirocinio (1 originale e 1 copia).
  8. Copia semplice dei titoli di studio con relativa apostille. È possibile presentare anche la Dichiarazione di Valore.
  9. Dimostrare la disponibilità di mezzi economici (per tutta la durata del tirocinio) che devono essere costanti nel tempo (non di ultimo momento) e disponibili il giorno della richiesta di visto secondo i valori indicati nella Tabella A allegata alla Direttiva del Ministero dell’Interno del 01.03.2000 che prevede la disponibilità del seguente importo minimo: 206,58 Euro di base + 27,89 Euro x ogni giorno della durata del tirocinio, (esempio: per tirocini di 365 giorni: 27,89×365+206,58=386,43 Euro) dimostrabili attraverso una delle seguenti opzioni:
    1. Disponibilità di un conto corrente bancario a nome dello studente o dei genitori presso una Banca italiana/U.E. Tale disponibilità deve essere dimostrata attraverso gli estratti bancari del conto (o dei conti) degli ultimi sei mesi precedenti alla data dell’appuntamento di richiesta del visto (originale, debitamente timbrato dalla Banca emittente – non sono accettati documenti scaricati da Internet privi dei criteri di cui sopra). NON È ACCETTATO IL SOLO ATTESTATO DEL BANCO CON IL SALDO ATTUALE DEL CONTO CORRENTE, NÉ IL SUPPORTO DELLA CARTA DI CREDITO. NEL CASO IN CUI NON SIANO DISPONIBILI GLI ULTIMI ESTRATTI BANCARI, SI RICHIEDONO I MOVIMENTI BANCARI CON IL SALDO CORRENTE.
    2. Disponibilità di un conto bancario a nome dello studente o dei genitori in una banca del Paese di residenza. Tale disponibilità deve essere dimostrata attraverso gli estratti bancari del conto (o dei conti) degli ultimi sei mesi precedenti alla data dell’appuntamento del visto. Si devono presentare gli originali debitamente timbrati dalla Banca emittente – non sono accettati documenti scaricati da Internet senza i criteri di cui sopra). NON È ACCETTATO IL SOLO ATTESTATO DEL BANCO CON IL SALDO ATTUALE DEL CONTO CORRENTE, NÉ IL SUPPORTO DELLA CARTA DI CREDITO. NEL CASO IN CUI NON SIANO DISPONIBILI GLI ULTIMI ESTRATTI BANCARI, SI RICHIEDONO I MOVIMENTI BANCARI CON IL SALDO CORRENTE.
    3. Quando le spese sono a carico dei genitori: lettera d’impegno autenticata dei genitori presso un Ufficio Notarile + estratti bancari del conto (o dei conti) dei genitori degli ultimi sei mesi precedenti alla data dell’appuntamento di richiesta del visto (in originale, debitamente timbrato dalla Banca emittente. Nota: in questo caso è necessario presentare anche una copia semplice e leggibile del atto di nascita del richiedente del visto che attesti la filiazione. NON È ACCETTATO IL SOLO ATTESTATO DEL BANCO CON IL SALDO ATTUALE DEL CONTO CORRENTE, NÉ IL SUPPORTO DELLA CARTA DI CREDITO. NEL CASO IN CUI NON SIANO DISPONIBILI GLI ULTIMI ESTRATTI BANCARI, SI RICHIEDONO I MOVIMENTI BANCARI CON IL SALDO CORRENTE.
    4. L’Ambasciata si riserva il diritto di accettare transazioni bancarie da conti attivi in un Paese diverso dalla Colombia o dall’Unione Europea.
  10. Copertura sanitaria/assicurativa per cure mediche e ricoveri ospedalieri, valida per tutto il periodo di soggiorno dalla data di partenza dal territorio colombiano con copertura minima di 30.000 Euro.
  11. Dimostrazione della disponibilità di alloggio attraverso una delle seguenti opzioni:
    1. Prenotazione di un albergo/residenza che copra i primi 10 giorni dalla data di arrivo in Italia.
    2. Lettera d’invito rilasciata da un cittadino italiano/europeo o straniero regolarmente residente in Italia (vedi formato).
  12. Prenotazione di un volo di andata e ritorno con destinazione finale Italia (copia) e dimostrazione della disponibilità economica per l’acquisto del biglietto di ritorno in Colombia nel caso sia presentato solo il biglietto di andata. Si precisa che il viaggio deve essere effettuato al massimo 8 giorni prima dell’inizio del tirocinio. Non saranno accettate domande con date di viaggio precedenti.

NOTE:

  • La procedura è strettamente personale. L’Ambasciata non ha autorizzato alcuna agenzia o intermediario per la richiesta del visto.
  • Non sono accettate garanzie finanziarie da parte di terzi residenti in Italia o all’estero che non siano parenti stretti come indicato al punto 9c.
  • La mancata presentazione di uno dei documenti sopra indicati può comportare il rifiuto della domanda di visto allo sportello. La domanda NON POTRÀ ESSERE ACCETTATA se i diritti consolari non sono stati interamente pagati in anticipo direttamente alla banca (vedi diritti consolari).
  • La certificazione del punto 11 deve essere sempre accompagnata da una copia del documento d’identità del dichiarante con firma visibile.
  • L’Ambasciata d’Italia si riserva il diritto di verificare il livello di conoscenza della lingua italiana e di richiedere qualsiasi altra documentazione ritenuta necessaria.
  • L’Ambasciata d’Italia si riserva il diritto di richiedere la documentazione aggiuntiva che ritiene necessaria attraverso il documento denominato “Preavviso di Rigetto” che può essere rilasciato pochi giorni dopo aver esaminato la domanda di visto.
  • Il visto (se concesso) può essere concesso con una data di ingresso in Italia qualche giorno prima dell’inizio del tirocinio, come indicato nella Convenzione di formazione (vedi punto 6). Coloro che desiderano entrare in Italia prima di tale data possono farlo come turisti (senza visto) per un massimo di 3 mesi se la loro nazionalità è esente dalla richiesta di un visto turistico.
  • Poiché il visto è una concessione, anche se vengono presentati tutti i documenti richiesti, questo può essere concesso o rifiutato. In quest’ultimo caso, verrà rilasciato un “Provvedimento di Diniego“.
  • Se il visto viene concesso, il titolare, una volta arrivato in Italia, deve richiedere il Permesso di Soggiorno alle autorità italiane competenti entro i primi otto giorni lavorativi.